Post con il tag: "(massimo)"



12. agosto 2020
Autore: Giuseppe Genna Giudizio: **** Chi pensa che questo sia un "instant book" sulla virulenza del SARS-CoV-2 è fuori strada. Naturalmente gli effetti della pestilenziale diffusione del virus attraversano tutte le pagine tra le sofferenze umane, l'atterrito stupore, la mal calcolata sottovalutazione, la conclamata impreparazione. Però il romanzo non è un memoir. Il testo non narra l'"apocalisse" di una nazione, e del suo popolo che è popolo di individualismi, perché marca la "transumanza...
02. agosto 2020
Autore: David Foster Wallace Giudizio: ***** Per iniziare: un aneddoto. Ho conosciuto lo scrittore David Foster Wallace per caso, attratto da un accattivante titolo che Einaudi ha scelto per pubblicare la raccolta di due saggi di DFW nei quali racconta il tennis come esperienza trascendentale, religiosa e sociopolitica direttamente dagli US Open ed ammirando il gioco di Roger Federer. A tal proposito scrive: "Impossibile descrivere concretamente la bellezza di un fuoriclasse" (DFW). Come il...
29. luglio 2020
Autore: Matteo Saudino Giudizio: *** La filosofia spaventa. La filosofia è difficile. La filosofia è inutile. La filosofia è antica. Pare, o almeno questo ho percepito, che tutto ciò che è antico non sia apprezzato nella contemporaneità ("papà, sei antico!", non lo prendete mai come un complimento, anche se siete archeologi o antiquari). Dunque, cosa ci può essere di meglio di un barbafilosofo per sovvertire questi luoghi comuni? Il barbafilosofo si trasforma con la stessa duttilità di...
26. luglio 2020
Autore: Sándor Márai Giudizio: *** In questo romanzo l'avventura e l'amore sono inestricabili elementi in un intreccio di passione ed attesa. Il vecchio contro il giovane, e viceversa, la donna contro l'uomo, e viceversa, con l'inspiegabile esistenza di colui che ama in modo disinteressato. L'avventura è inevitabile contorno perché, senza di essa, non può esserci passione, sfinimento, pena, incertezza, dolore e l'amore stesso. L'avventura si divincola tra sfide a duello, mortifere, e...
01. luglio 2020
La gente non guarda una partita di tennis per vedere la purezza dei gesti, la guarda perché il tennis è divertente. Sono d'accordo con tutti coloro che guardano una partita di tennis perché si divertono. Non può essere altrimenti. Ciononostante il divertimento è, molto spesso, solo del pubblico. Sul campo è fatica e sofferenza, perché il tennis è sacrificio, dedizione, concentrazione. Come tutti gli sport, come tutti i lavori, come tutte le vite. Anche tra quelli che vengono scambiati...
28. giugno 2020
Autore: Milan Kundera Giudizio: ***** L'eterno ritorno e l'impossibilità di vederlo in vita: si può bramarlo, o bandirlo, inseguirlo, o fuggirne e mai riaverlo, rivederlo. Leggerezza e pesantezza sono dell'essere e non dell'apparenza, non della volontà. L'una è positiva, libera, selvaggia, l'altra è negativa, opprimente, conformista. Attraversano le vite di ognuno superando le ragioni ed i torti della volontà. C'è chi tradisce l'altro per il piacere e non per cattiveria, c'è chi resta...
21. giugno 2020
Autore: Philip Roth Giudizio: **** Un Signor Deciso val bene un segreto? Forse, ma le conseguenze su amici e familiari, visibili oppure nascoste, saranno strazianti. Ogni esistenza umana è una macchia e la rettitudine, la capacità, la competenza, l'impegno, la nobiltà d'animo, la felicità, non cancelleranno le macchie che ognuno lascia. Questo romanzo narra la vita fondata su verità nascoste e trovate solo da chi le conosce o da chi le vede nonostante l'impegno per mascherarle. È un...
14. giugno 2020
Autore: Irvin D. Yalom Giudizio: ** Una reciproca ritrosia, per l'uno volontaria, per l'altro involontaria perché le cose sono così, le cose sono andate così. Ma quella sera, quel saluto dopo la cena con gli ex compagni dell'università, conduce al rendez-vous non concordato eppure inevitabile. È quel pezzo di vita che si è nascosta, è una questione di cuore che batte, è una questione di rischio non calcolato, è una questione di sopravvivenza, quella a cui l'essere umano è votato....
13. giugno 2020
Autore: Stefano Scrima Giudizio: **** Hai un pensiero ripiegato su sé stesso che non soddisfa il tuo gusto? Aprilo, inserisci un po' di cinismo, irriverenza, poesia, vita, morte (miracoli, no), pigrizia, richiudilo con cura, inforna per un'oretta e servilo ben caldo. Il risultato è agrodolce, opportunamente contrastante, con un retrogusto leggero, ma persistente. Non è la colazione dei campioni, accompagnata da un lussurioso caffè, ma nemmeno la colazione con Ovomaltina. Con questa portata...
16. maggio 2020
Autore: Stefano Scrima Giudizio: *** Quando ho visto il libro la primissima cosa a cui ho pensato è stata "ma io cosa ne so della Spagna?" e la seconda cosa a cui ho pensato è stata "buona occasione per imparare qualcosa, peccatore per mancata conoscenza che non sei altro". Sono prosaico anche nei pensieri. Il libro è una breve presentazione ragionata dei personaggi famosi che hanno contribuito a rappresentare un popolo prima che un'area geografica. Con tutte le contraddizioni che albergano...

Mostra altro